Primo piano

COVID. L’RT A LIVELLO NAZIONALE SCENDE ALLO 0,98. PREOCCUPAZIONE PER LE TERAPIE INYENSIVE DI 14 REGIONI CHE SUPERANO LA SOGLIA CRITICA
CRONACA. INDAGATE QUATTRO PERSONE PER AVER INVIATO NUMEROSI MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA CON GRAVI MINACCE AL MINISTRO SPERANZA
CRONACA. PER IL CONSIGLIO DI STATO OBBLIGO DI MASCHERINA ANCHE PER I BAMBINI SOTTO I 12 ANNI
CRONACA. TELECAMERE NASCOSTE IMMORTALANO L’UFFICIALE DI MARINA BIOT MENTRE FOTOGRAFA LO SCHERMO DEL PROPRIO PC SUL QUALE COMPAIONO DOCUMENTI CLASSIFICATI
CRONACA. PAPA FRANCESCO IN VISITA DAI POVERI E DAI SENZA TETTO NELL’ATRIO DELL’AULA PAOLO VI MENTRE SONO SOTTOPOSTI ALL’IMMUNIZZAZIONE DA SARS-COV-2
ESTERI. IN BRASILE IN 24 ORE SONO STATI VACCINATI 1 MILIONE DI CITTADINI, TRA LA PRIMA E LA SECONDA DOSE 23 MILIONI
ESTERI. OPERATORI TURISTICI TURCHI ORGANIZZANO VIAGGI IN RUSSIA PROPONENDO UN PACCHETTO COMPLETO: VIAGGIO, VACCINAZIONE E VISITA DELLA CAPITALE RUSSA
ESTERI. PRESUNTI ABUSI SESSUALI ED ATTI DI BULLISMO DA PARTE DI DUE MEMBRI DELL’ORGANIZZAZIONE BENEFICA BRITANNICA OXFAM. SONO STATI SOSPESI DAL LORO INCARICO, SONO IN CORSO INDAGINI
VENETO. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE DEL VENETO LUCA ZAIA: “DOPO PASQUA IL VENETO IN ZONA ARANCIONE”
VENETO. FINE DI UN INCUBO PER UN RISTORATORE DI VERONA INSERITO PER SBAGLIO NELLA LISTA NERA DEL TESORO DEGLI STATI UNITIA CAUSA DI UNO SCAMBIO DI IDENTITÀ, SI RITENEVA CHE FOSSE COINVOLTO IN UNA RETE CHE TENTAVA DI ELUDERE LE SANZIONI IMPOSTE DALL’EX PRESIDENTE AMERICANO DONALD TRUMP ALLA COMPAGNIA PETROLIFERA VENEZUELANA PETROLEOS
PROVINCIA. TUTTO PRONTO PER SABATO 03/04 PER LA VACCINAZIONE DI 4.278 NATI NEL 1935 DEL TERRITORIO DELLA MARCA, A CASTELFRANCO 419 CITTADINI VERRANNO IMMUNIZZATI DIRETTAMENTE IN AUTO
TREVISO. L’USL 2 HA COMUNICATO CHE SONO ARRIVATE NUOVE FORNITURE DI VACCINI, RIATTIVATO IL PORTALE PER LE PRENOTAZIONI NEL TREVIGIANO
Treviso City Web Radio

Il correttore di bozze? Un costo inutile per l’editore del nuovo secolo

Treviso. Il senso di responsabilità dei giornalisti nell’era della scomparsa dei correttori di bozze è del tutto inesistente.

Non si discute. Un’anarchia lessicale in piena regola, senza precedenti, ha preso corpo nelle redazioni dei quotidiani italiani locali e nazionali, insieme  a quelle delle emittenti  radiotelevisive.  Decenni fa i professori delle superiori suggerivano agli studenti  in difficoltà in italiano la lettura dei giornali per poter sperare di migliorare il proprio modesto livello nella padronanza della nostra lingua materna.

Uno studente di oggi,  invece, in difficoltà in questa materia rischia un chiaro, un indiscutibile ed un irreversibile ulteriore peggioramento culturale se prendesse alla lettera questo validissimo suggerimento di un tempo, nel periodo in cui si scriveva e si parlava l’italiano. Quello bello, quello vero, l’originale e non lo strano guazzabuglio lessicale che i “professionisti” dell’informazione e della comunicazione in generale di questi ultimi anni ci impongono senza soluzione di continuità.

Per una volta lasciamo da parte gli orribili ed inutili anglismi che tanto danno stanno provocando alla nostra lingua nazionale. Concentriamoci  invece su quello che resta del nostro martoriato idioma che leggiamo sulla carta stampata od ascoltiamo alla radio e nelle emittenti televisive. Chi dovremmo ringraziare per questa imbarazzante situazione? Chi sono i responsabili del degrado del linguaggio giornalistico? Dove sono finite la meticolosità, l’attenzione, la cura dei professionisti del settore di una volta considerate da sempre le dirette emanazioni  dell’autorevolezza, della competenza e della credibilità di chi scriveva un articolo di giornale o di chi preparava un servizio radiotelevisivo?

Il direttore di un quotidiano, di un periodico o di una rete radiotelevisiva sembra più un “tagliatore di teste” che un affidabile tutore del nostro patrimonio culturale. È evidente che abbia oramai come unico fine ultimo quello di soddisfare l’editore di turno insofferente ai presunti rami secchi. Pur di consolidare il proprio ruolo di prestigio raggiunto dopo anni di lavoro, egli tende ad assecondare, auguriamoci con almeno qualche piccolo senso di colpa, le pretese di chi vive solo di bilanci, di costi, di perdite, di quotidiani o riviste invenduti, di modeste percentuali di ascolto dei radiogiornali o dell’edizione del telegiornale della sera.

Nessuno ricorda più o desidera ricordare quanto siano stati indispensabili, fondamentali  e determinanti invece i correttori di bozze. Sempre utili per qualche consiglio, sempre presenti per verificare insieme le informazioni raccolte necessarie a scrivere l’articolo da pubblicare il giorno dopo oppure il testo di un servizio che sarebbe andato in onda nell’edizione del telegiornale dell’emittente televisiva in cui si lavorava.

Chi ha soprattutto l’umiltà di testimoniare e, quindi, di ammettere l’imprescindibile importanza del loro intervento per evitare ai colleghi poco attenti le figuracce grammaticali, lessicali e della punteggiatura? Veri e propri incubi del giornalista che deve scrivere un articolo o preparare un servizio giornalistico radiotelevisivo con l’ansia della lancetta dei secondi che scorre via in modo inesorabile.

Oggi tutto questo non conta più. Quella scrivania è dannatamente vuota, anzi, non esiste più.

Il risultato lo si legge o lo si ascolta ovunque. Non c’è tempo per questi improduttivi passaggi nelle redazioni del nuovo millennio. Si incrociano le dita e l’italiano lentamente va a farsi benedire.

© Riproduzione riservata