Primo piano

COVID. L’RT A LIVELLO NAZIONALE SCENDE ALLO 0,98. PREOCCUPAZIONE PER LE TERAPIE INYENSIVE DI 14 REGIONI CHE SUPERANO LA SOGLIA CRITICA
CRONACA. INDAGATE QUATTRO PERSONE PER AVER INVIATO NUMEROSI MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA CON GRAVI MINACCE AL MINISTRO SPERANZA
CRONACA. PER IL CONSIGLIO DI STATO OBBLIGO DI MASCHERINA ANCHE PER I BAMBINI SOTTO I 12 ANNI
CRONACA. TELECAMERE NASCOSTE IMMORTALANO L’UFFICIALE DI MARINA BIOT MENTRE FOTOGRAFA LO SCHERMO DEL PROPRIO PC SUL QUALE COMPAIONO DOCUMENTI CLASSIFICATI
CRONACA. PAPA FRANCESCO IN VISITA DAI POVERI E DAI SENZA TETTO NELL’ATRIO DELL’AULA PAOLO VI MENTRE SONO SOTTOPOSTI ALL’IMMUNIZZAZIONE DA SARS-COV-2
ESTERI. IN BRASILE IN 24 ORE SONO STATI VACCINATI 1 MILIONE DI CITTADINI, TRA LA PRIMA E LA SECONDA DOSE 23 MILIONI
ESTERI. OPERATORI TURISTICI TURCHI ORGANIZZANO VIAGGI IN RUSSIA PROPONENDO UN PACCHETTO COMPLETO: VIAGGIO, VACCINAZIONE E VISITA DELLA CAPITALE RUSSA
ESTERI. PRESUNTI ABUSI SESSUALI ED ATTI DI BULLISMO DA PARTE DI DUE MEMBRI DELL’ORGANIZZAZIONE BENEFICA BRITANNICA OXFAM. SONO STATI SOSPESI DAL LORO INCARICO, SONO IN CORSO INDAGINI
VENETO. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE DEL VENETO LUCA ZAIA: “DOPO PASQUA IL VENETO IN ZONA ARANCIONE”
VENETO. FINE DI UN INCUBO PER UN RISTORATORE DI VERONA INSERITO PER SBAGLIO NELLA LISTA NERA DEL TESORO DEGLI STATI UNITIA CAUSA DI UNO SCAMBIO DI IDENTITÀ, SI RITENEVA CHE FOSSE COINVOLTO IN UNA RETE CHE TENTAVA DI ELUDERE LE SANZIONI IMPOSTE DALL’EX PRESIDENTE AMERICANO DONALD TRUMP ALLA COMPAGNIA PETROLIFERA VENEZUELANA PETROLEOS
PROVINCIA. TUTTO PRONTO PER SABATO 03/04 PER LA VACCINAZIONE DI 4.278 NATI NEL 1935 DEL TERRITORIO DELLA MARCA, A CASTELFRANCO 419 CITTADINI VERRANNO IMMUNIZZATI DIRETTAMENTE IN AUTO
TREVISO. L’USL 2 HA COMUNICATO CHE SONO ARRIVATE NUOVE FORNITURE DI VACCINI, RIATTIVATO IL PORTALE PER LE PRENOTAZIONI NEL TREVIGIANO
Treviso City Web Radio

Petizione per difendere la nostra lingua nazionale, l’italiano

lTreviso. In questo periodo molto grave e pieno di incognite, con un futuro tutto da decifrare sia per quanto riguarda l’emergenza sanitaria mondiale che per i suoi inevitabili danni collaterali, sostenere e quindi scrivere di una lodevolissima iniziativa organizzata a difesa della nostra lingua potrebbe risultare inopportuno e, forse, anche fastidioso.

Tuttavia neanche la nostra lingua materna se la passa bene. La situazione sta peggiorando sempre di più. Tra gli insopportabili ed inutili anglismi, insieme ad una sempre più crescente anarchia nell’uso dell’italiano da parte dei professionisti della comunicazione parlata e scritta, per non tacere di tutte le altre categorie professionali, il nostro bellissimo idioma si trova a dover fronteggiare un vero e proprio letale accerchiamento.

Sono circa tre decenni che l’Accademia della Crusca, insieme a tutti gli studiosi ed esperti di linguistica e di filologia, sta cercando di erigere un’immaginaria diga protettiva per difendere l’integrità e la “purezza” della lingua italiana contro la devastante piena di inutili e tossici termini di origine anglosassone.

Supporre che l’utilizzo delle parole straniere, e nella fattispecie di quelle della lingua inglese, in sostituzione delle parole italiane già presenti nel nostro ricco vocabolario sia un segno di progresso e modernità è del tutto fuorviante, volgare ma, soprattutto, venefico per la nostra radice culturale.

Seguire i telegiornali, ascoltare i notiziari radiofonici dove i giornalisti ostentano vocaboli inglesi senza soluzione di continuità, dimenticando di proposito dell’esistenza del corrispondente termine in italiano, quasi a vergognarsi della nostra lingua materna, è deprimente, triste, per niente professionale e rasenta quasi il ridicolo.

L’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo risultato molto lusinghiero per un idioma che si trova al 21° posto tra le lingue più parlate oggi.

Eppure da troppo tempo oramai non viene più protetta e tutelata a dovere. Nelle redazioni giornalistiche, gli editori, i personaggi pubblici, una vera e propria catena umana di figure istituzionali e professionali da anni snobbano di proposito il grido di allarme per una lingua nazionale che si sta impoverendo sempre di più e sta perdendo, giorno dopo giorno, l’autonoma rigenerante capacità di evolvere.

Lo scopo dell’iniziativa di un gruppo di intellettuali e di studiosi della nostra lingua è quello di sollecitare ed incoraggiare una campagna mediatica, come già avvenuto in Spagna ed in Francia per lo spagnolo ed il francese, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica del grave problema ma, in particolare modo, per difendere e favorire l’italiano denunciando la pericolosa discriminazione delle parole del nostro consistente patrimonio lessicale.

Nessun complesso di inferiorità verso la lingua inglese dunque, non vi è proprio nulla che lo giustifichi. Non vergogniamoci dell’italiano. Usiamolo, amiamolo!

shop now!

Annotazione 2020-07-28 235337

Dolci al Forno Post di Twitter

https://www.change.org/p/sergio-mattarella-basta-anglicismi-nel-linguaggio-istituzionale-viva-l-italiano-litalianoviva?

© Riproduzione riservata