Primo piano

COVID. ALLARME IN GRAN BRETAGNA. GRANDE PREOCCUPAZIONE DELL’AUTORITÀ BRITANNICHE PER LA VARIANTE DELTA LA CUI TRASMISSIBILITÀ SUPERA IL 60%
COVID. LA 18ENNE CAMILLA CANEPA, DECEDUTA DOPO ESSERE STATA VACCINATA CON ASTRAZENECA, SOFFRIVA DI UNA MALATTIA AUTOIMMUNE. S’INDAGA SE NELLA CARTELLA CLINICA DELLA RAGAZZA SIANO STATE CORRETTAMENTE EVIDENZIATE LE PATOLOGIE DI CUI SOFFRIVA
COVID. DAL PROSSIMO LUNEDÌ 40,5 MILIONI DI ITALIANI SI TROVERANNO IN ZONA BIANCA. INDICE RT STABILE A 0.68.
ESTERI. PRIMO VERTICE DEL G7 DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DRAGHI SARÀ IL RELATORE PRINCIPALE NEL CORSO DELLA SESSIONE SULLA RIPRESA ECONOMICA
ESTERI. ALLARME DELLE NAZIONI UNITE PER LA SITUAZIONE IN ETIOPIA. NEL TIGRAY OLTRE 350.000 PERSONE ALLA FAME
SALUTE. CON IL LAVORO DA CASA IL CO2 IN ITALIA SI RIDURREBBE COME 60 MILIONI DI VOLI LONDRA-BERLINO IN MENO
CRONACA. IL CUGINO DI SAMAN SI AVVALE DELLA FACOLTÀ DI NON RISPONDERE E NEGA IL SUO COINVOLGIMENTO NELLA SCOMPARSA DELLA RAGAZZA PAKISTANA
COVID. PER GLI ULTRASESSANTENNI CHE NELLA PRIMA DOSE HANNO RICEVUTO L’ASTRAZENECA IL RICHIAMO SARÀ EFFETTUATO CON PFIZER OPPURE MODERNA
Treviso City Web Radio

Luci ed ombre per una Imoco che supera il Casalmaggiore scudettato (3-2)

IMG_4367Villorba (Tv). È stato emozionante assistere alla partita di cartello della terza giornata di campionato in programma la scorsa domenica. Uno scontro al vertice che ci riporta indietro di qualche mese quando le due squadre si affrontarono nelle semifinali scudetto per conquistarsi l’accesso alle finali per l’assegnazione del titolo 2014/2015. È stata una partita avvincente e ricca di colpi di scena dove il pubblico del Palaverde ha fatto ancora una volta la sua parte: 5.130 spettatori che non hanno mai smesso di sostenere le Pantere, soprattutto nei momenti nei quali era evidente la difficoltà di Conegliano. Da una serata di festa al limite della perfezione si è passati poco distanti da una vera e propria beffa. Tutto si è però concluso a favore delle coneglianesi con uno spareggio partita targato Imoco. Bellissimo risultato ma c’è ancora tanto da lavorare su quel “male oscuro” che molto spesso negli scorsi campionati ha rovinato i piani alla squadra veneta. Il potenziale c’è, eccome, e la mano di Mazzanti sta dando comunque i suoi frutti perché la scorsa stagione queste partite si perdevano. Buon lavoro!

Incredibile assistere alla partenza a razzo dell’Imoco. Pronti e via con le Pantere che mettono il proprio marchio di fabbrica nei primi due capitoli dell’incontro. Un copia-incolla nel punteggio (25-19) che porta in estasi il numerosissimo pubblico presente al Palaverde. Con percentuali di ricezione e dell’attacco che certificano in modo inequivocabile il predominio delle padroni di casa. Sembra tutto facile, sembra che tutto sia stato già scritto. Non è così. Casalmaggiore non ha intenzione di gettare la spugna.

Il terzo e combattutissimo parziale è il biglietto da visita delle campionesse d’Italia in carica. Le ospiti si conquistano alla grande il diritto di giocarsela fino in fondo, i numeri lo stanno a dimostrare: 5-1, 16-14, 20-18, 20-20, 22-22, 24-26. Siamo sul 2-1 per buona pace della squadra di Mazzanti.

Nel quarto parziale, con le difese in spolvero e gli attacchi un poco in affanno, si procede senza tanti sussulti. Questo fino alla breve accelerazione dell’Imoco (15-13), poi la frazione di gioco è tutta del Casalmaggiore: 15-16, 15-20, 17-22, 18-25. Il Pomì pareggia i conti dei parziali vinti (2-2) e si va quindi allo spareggio partita.

Nel quinto e definitivo capitolo dell’incontro le Pantere si riprendono con autorevolezza il controllo della partita volando via verso un incredibile parziale (11-5) che scaccia via i dubbi e le paure degli ultimi due parziali giocati a corrente alternata. Le ospiti però non ci stanno e si riportano sotto (14-7, 14-11) ma Adams, migliore giocatrice della partita, chiude finalmente la gara con tutto il Palaverde a festeggiare.

All. Mazzanti: “Nello spareggio partita abbiamo avuto il carattere per vincere una bella gara. Possiamo fare molto meglio ma per ora va bene così.”

NOTE: Durata set 23′, 25′, 30′, 26′, 17′. Totale: 2 h. 01 minuti. Imoco: battute vincenti 6, errate 10, muri 14, errori 24. Pomì: bat. vin. 4, errate 13, muri 14, errori 25. Spettatori 5130.

shop now!

© Riproduzione riservata