Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

La De’ Longhi torna ad Agrigento per Gara 3

IMG_4490

Villorba (Tv). Quando la voglia di farcela spinge una squadra a realizzare la grande impresa. Ecco in breve quanto si è meritatamente conquistata ieri la De’ Longhi superando l’Agrigento in un Palaverde in delirio. È stata una partita dura, maschia. Un’intensa gara tra due squadre che si sono affrontate senza risparmiarsi mai, senza indietreggiare di un millimetro davanti all’avversario.

Pronti e via ed ecco un Williams stellare che trascina i compagni nei primi minuti di gioco nei quali vengono realizzati parziali che fanno sognare: 4-0, 11-2, 13-2. Dura poco perché la Fortitudo non è venuta a Treviso per recitare il ruolo di comparsa. Grazie alle solite triple, cui i giocatori siciliani sono evidentemente abbonati, la squadra ospite riesce a recuperare e si conquista un recupero da capogiro: 16-2. E’ il sorpasso. Il primo quarto finisce così con Agrigento in vantaggio: 22-26.

La seconda frazione di gioco vede confermata la momentanea supremazia degli ospiti ma una mini rimonta di 9-0 permette ai trevigiani di rimettersi in sesto e pareggiare i conti con gli ospiti (28-28). Il Palaverde è una vera e propria bolgia. Rumore assordante ed i gladiatori della palla a spicchi che non si fanno complimenti. Insomma una partita da fase finale che regala emozioni a non finire. La sfida procede a sussulti per l’intensità delle difese che porta i giocatori a commettere molti falli. Le percentuali in attacco ritornano così alla normalità. La via del canestro non è più un percorso agevolato per nessuna delle due squadre. Nessuno riesce a scappare via ed il secondo quarto finisce sostanzialmente in equilibrio: 37-36.

Il terzo quarto conferma quanto accaduto nel primo tempo. Gioco molto fisico ed il canestro che si trova con sempre più difficoltà, una partita dunque che resta in bilico senza un vero dominatore. Deve essere la serata di Coron Williams perché riesce ancora a una volta ad indovinare due tiri da tre che permettono un salutare breve allungo per la De’ Longhi (48-43). Segue a ruota Pinton (51-48). Gli ospiti non demordono. Piazza e Williams riescono ad arginare lo scatto dei biancocelesti e recuperano gli strappi dei padroni di casa: 53-51, 55-55, 55-57.

Ecco l’ultimo quarto. La stagione in 10’. I due punti di svantaggio non fanno paura ai “Fioi” di Pillastrini che riprendono a lottare coma hanno fatto durante tutta la partita.  Si procede punto a punto. Al 33’ Coron Williams esalta ancora una volta il caldo pubblico del Palaverde con un’azione a tutto campo che regala alla De’ Longhi il +2 (59-57). Fantinelli poi ci mette del suo e così al 35’ siamo a +4 (65-61). A 3’40” dalla sirena di fine gara il vantaggio arriva a +8 che porta in visibilio i tifosi trevisani. Sembra finita ma non è così. Agrigento recupera. A 120” dal termine una tripla, ancora lui, di Coron Williams permette alla De’ Longhi di salvaguardare il piccolo tesoretto di punti che sono fondamentali per tenere a distanza gli ospiti che non mollano proprio la presa. Si arriva però finalmente al suono della sirena che significa vittoria di Treviso e Gara 3 in tasca.

Treviso ieri ha giocato alla pari con Agrigento, l’impresa non è quindi così impossibile come potrebbe far credere. Se la squadra trevigiana riuscirà a trovare la giusta strategia per rendere inoffensivi i “tiratori scelti” della Fortitudo forse la sfida resterà solo sulla carta difficilissima. Intanto godiamoci il grande risultato di ieri e buona pallacanestro a tutti!

DE’ LONGHI TVB – MONCADA AGRIGENTO 78-70

NOTE: pq 22-26, sq 37-36, tq 55-57. Tiri liberi: De’ Longhi 8/19, Moncada 17/25. Rimbalzi: De’ Longhi 10+25 (Fantinelli 2+10), Moncada 10+24 (Dudzinski 4+6). Assist: De’ Longhi 17 (Fantinelli 6), Moncada 9 (Piazza 7). Usc. 5 falli: Dudzinski al 38’09” (74-67). Spettatori: 4572.

shop now!

© Riproduzione riservata