Primo piano

COVID. L’RT A LIVELLO NAZIONALE SCENDE ALLO 0,98. PREOCCUPAZIONE PER LE TERAPIE INYENSIVE DI 14 REGIONI CHE SUPERANO LA SOGLIA CRITICA
CRONACA. INDAGATE QUATTRO PERSONE PER AVER INVIATO NUMEROSI MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA CON GRAVI MINACCE AL MINISTRO SPERANZA
CRONACA. PER IL CONSIGLIO DI STATO OBBLIGO DI MASCHERINA ANCHE PER I BAMBINI SOTTO I 12 ANNI
CRONACA. TELECAMERE NASCOSTE IMMORTALANO L’UFFICIALE DI MARINA BIOT MENTRE FOTOGRAFA LO SCHERMO DEL PROPRIO PC SUL QUALE COMPAIONO DOCUMENTI CLASSIFICATI
CRONACA. PAPA FRANCESCO IN VISITA DAI POVERI E DAI SENZA TETTO NELL’ATRIO DELL’AULA PAOLO VI MENTRE SONO SOTTOPOSTI ALL’IMMUNIZZAZIONE DA SARS-COV-2
ESTERI. IN BRASILE IN 24 ORE SONO STATI VACCINATI 1 MILIONE DI CITTADINI, TRA LA PRIMA E LA SECONDA DOSE 23 MILIONI
ESTERI. OPERATORI TURISTICI TURCHI ORGANIZZANO VIAGGI IN RUSSIA PROPONENDO UN PACCHETTO COMPLETO: VIAGGIO, VACCINAZIONE E VISITA DELLA CAPITALE RUSSA
ESTERI. PRESUNTI ABUSI SESSUALI ED ATTI DI BULLISMO DA PARTE DI DUE MEMBRI DELL’ORGANIZZAZIONE BENEFICA BRITANNICA OXFAM. SONO STATI SOSPESI DAL LORO INCARICO, SONO IN CORSO INDAGINI
VENETO. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE DEL VENETO LUCA ZAIA: “DOPO PASQUA IL VENETO IN ZONA ARANCIONE”
VENETO. FINE DI UN INCUBO PER UN RISTORATORE DI VERONA INSERITO PER SBAGLIO NELLA LISTA NERA DEL TESORO DEGLI STATI UNITIA CAUSA DI UNO SCAMBIO DI IDENTITÀ, SI RITENEVA CHE FOSSE COINVOLTO IN UNA RETE CHE TENTAVA DI ELUDERE LE SANZIONI IMPOSTE DALL’EX PRESIDENTE AMERICANO DONALD TRUMP ALLA COMPAGNIA PETROLIFERA VENEZUELANA PETROLEOS
PROVINCIA. TUTTO PRONTO PER SABATO 03/04 PER LA VACCINAZIONE DI 4.278 NATI NEL 1935 DEL TERRITORIO DELLA MARCA, A CASTELFRANCO 419 CITTADINI VERRANNO IMMUNIZZATI DIRETTAMENTE IN AUTO
TREVISO. L’USL 2 HA COMUNICATO CHE SONO ARRIVATE NUOVE FORNITURE DI VACCINI, RIATTIVATO IL PORTALE PER LE PRENOTAZIONI NEL TREVIGIANO
Treviso City Web Radio

Un punto di bonus difensivo per un Benetton Rugby che ha orgoglio (22-25)

P1040505Monigo (Tv). Certo, è comprensibile, si tratta pur sempre di un’altra partita persa. E’ inevitabile, non ci si può esimere dal riconoscerlo, si deve parlare ancora di una sconfitta. Però, almeno questo, non si può non darne atto ai Leoni di aver fatto comunque il possibile per rimediare ad una partita che, verso la fine del secondo tempo, faceva presagire ad un ennesima sconfitta dal punteggio pesante. Non è accaduto. Bene così, meglio così. I gallesi dell’Ospreys passano di misura sul Benetton in una partita non bella, che non ha vissuto di ritmi sbalorditivi e dall’imperante confusione di gioco. Un pomeriggio di Guinness Pro 12 per i veneti che da un lato fa loro onore per la reazione di fine gara ma che, dall’altro lato, non fa ancora pensare che il tanto agognato ritorno nei piani alti della classifica sia finalmente dietro l’angolo. Peccato.

I primi minuti della gara scivolano via senza tanti grandi sussulti. Un andamento lento che si trascina fino al vantaggio del Benetton grazie ad Hayward dalla piazzola (3-0). Gli Ospreys con Davies cercano di recuperare sfruttando le punizioni ma l’imprecisione del giocatore complica loro le cose. Questo fino alla meta di Dan Evans di metà frazione di gioco per il momentaneo vantaggio gallese (3-5). È il turno poi di Ambrosini che vola in meta dopo un’efficace azione di squadra (8-5). A dieci minuti dal riposo arriva la meta di Ben John, seguita a ruota dalla conversione di Davies che questa volta non sbaglia (8-12). E’ arrivato il momento del thé. Tutti negli spogliatoi!

Il secondo tempo propone lo stesso copione della prima frazione di gioco. La confusione regna incontrastata. Via dunque al valzer dei cambi per rimediarvi. Davies al quarto d’ora di gioco sblocca il punteggio ormai fermo da un pezzo. Si materializza quindi un bel allungo degli ospiti (8-15). Il Benetton fa una dannata fatica ad imporre il proprio gioco. Il loro nervosismo di certo non li aiuta mentre sembra invece che i gallesi non abbiano poi grossi problemi a respingere i confusi attacchi dei trevigiani. Al 65’ arriva il potenziale fuori combattimento ai veneti dell’Ospreys che potrebbe chiudere definitivamente la partita, firmato dalla coppia Leonard-Davies (8-22).

All’improvviso un vero e proprio sussulto d’orgoglio dei ragazzi di Casellato permette loro di rialzare la testa per una rimonta che scalda tanto il cuore dei tifosi. McLean-Pratichetti- Hayward suonano la carica e costruiscono l’azione del riscatto (15-22). La frenesia di voler recuperare ad ogni costo a pochi minuti dalla fine porta però i trevigiani a regalare agli avversari una punizione che Davies accetta volentieri di trasformare (15-25). In un finale convulso la meta di Luca Bigi e la conversione di Hayward portano il Benetton ad un passo dagli avversari ma siamo all’81’. Consoliamoci con il punto bonus difensivo che muove la classifica. Non si butta via niente.

Benetton Treviso vs Ospreys 22-25

Benetton Treviso:Mete: Ambrosini (23′), Hayward (72′), Bigi (80′). Conversioni: Hayward (73′, 81′). Punizioni: Hayward (2′)

Ospreys: Mete: Evans (18′), ben John (29′), Sam Davies (64′). Conversioni: Sam Davies (30′, 65′). Punizioni: Sam Davies (53′, 75′).

shop now!

© Riproduzione riservata