Primo piano

COVID. ALLARME IN GRAN BRETAGNA. GRANDE PREOCCUPAZIONE DELL’AUTORITÀ BRITANNICHE PER LA VARIANTE DELTA LA CUI TRASMISSIBILITÀ SUPERA IL 60%
COVID. LA 18ENNE CAMILLA CANEPA, DECEDUTA DOPO ESSERE STATA VACCINATA CON ASTRAZENECA, SOFFRIVA DI UNA MALATTIA AUTOIMMUNE. S’INDAGA SE NELLA CARTELLA CLINICA DELLA RAGAZZA SIANO STATE CORRETTAMENTE EVIDENZIATE LE PATOLOGIE DI CUI SOFFRIVA
COVID. DAL PROSSIMO LUNEDÌ 40,5 MILIONI DI ITALIANI SI TROVERANNO IN ZONA BIANCA. INDICE RT STABILE A 0.68.
ESTERI. PRIMO VERTICE DEL G7 DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DRAGHI SARÀ IL RELATORE PRINCIPALE NEL CORSO DELLA SESSIONE SULLA RIPRESA ECONOMICA
ESTERI. ALLARME DELLE NAZIONI UNITE PER LA SITUAZIONE IN ETIOPIA. NEL TIGRAY OLTRE 350.000 PERSONE ALLA FAME
SALUTE. CON IL LAVORO DA CASA IL CO2 IN ITALIA SI RIDURREBBE COME 60 MILIONI DI VOLI LONDRA-BERLINO IN MENO
CRONACA. IL CUGINO DI SAMAN SI AVVALE DELLA FACOLTÀ DI NON RISPONDERE E NEGA IL SUO COINVOLGIMENTO NELLA SCOMPARSA DELLA RAGAZZA PAKISTANA
COVID. PER GLI ULTRASESSANTENNI CHE NELLA PRIMA DOSE HANNO RICEVUTO L’ASTRAZENECA IL RICHIAMO SARÀ EFFETTUATO CON PFIZER OPPURE MODERNA
Treviso City Web Radio

Treviso continua a perdere e non si vede la fine del tunnel (3-27)

011-7D2_0659[1]Monigo (Tv). Sesta sconfitta consecutiva in Guinness Pro 12 per la Benetton. Questa volta è il Leinster a festeggiare. Un’altra gara senza aver segnato nemmeno una meta. Un altro incontro in cui gli ospiti hanno dettato legge nello stadio di Treviso. Una squadra lenta e pigra, sempre costretta ad indietreggiare per difendere, poco aggressiva e che ha lasciato giocare troppo gli avversari. Ecco in sintesi la sconfitta subita dai trevigiani nell’ultimo turno del prestigioso torneo europeo di rugby. Qualche piccolo segnale di vitalità lo si è potuto riscontrare nel primo tempo quando la squadra di Casellato è riuscita a restare in qualche modo attaccata alla partita, ma nella ripresa buio pesto.

Passano pochi minuti dal fischio d’inizio e grazie alla meta di McGrath il Leinster passa subito in vantaggio. Una buona reazione del Benetton porta Hayward a convertire una punizione. Sexton all’undicesimo esce dal terreno di gioco per scontare i dieci minuti di rito per un cartellino giallo subito per fallo di ostruzione. Gli irlandesi continuano a premere senza che i biancoverdi riescano a prendere le giuste contromisure. Sugli sviluppi di una rimessa in gioco i Leoni al 23’ arrivano nei pressi della linea di meta ma lo sforzo è vano, l’arbitro non concede la meta. Gli ospiti invece riescono ad allungare grazie ad una punizione di McFadden ma, soprattutto, per una bella meta di Nacewa che supera con grande agilità Nitoglia. Il primo tempo termina con il Leinster in vantaggio 3-15.

Nei primi minuti della seconda frazione di gioco due brutte gestioni dell’ovale da parte dei trevigiani vanificano due interessanti azioni nella metà campo degli irlandesi. Una sterile reazione che precede di poco il decisivo ritorno degli ospiti. Al 56’ arriva la bellissima meta di Conan frutto di una serie spettacolare di ricicli proprio da applausi. La situazione si complica ulteriormente con il giallo a Nitoglia per un avanti volontario. Te’o realizza la meta del bonus per il Leinster. L’ultimo quarto d’ora è del Treviso che cerca di reagire ma senza grandi risultati. Finisce 3-27 ed in classifica per il Benetton nella colonna delle vittorie  appare ancora lo zero. Con il peggior attacco e la peggiore difesa non può essere diversamente.

Casellato: “Sì, ho gridato. L’ho fatto per mandare un messaggio ai giocatori. Voglio che la squadra si dia una scrollata. Non dobbiamo mollare. Commettiamo errori imperdonabili, specie nell’ultimo passaggio.”

BENETTON TREVISO – LEINSTER 3-27 

Marcatori: 3′ m. McGrath tr. Sexton, 7′ cp. Hayward, 33′ cp. McFadden, 40′ m. Nacewa, 56′ m. Conan, 61′ m. Te’o tr. McFadden.

shop now!

© Riproduzione riservata