Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

Per Treviso la nuova pandemia è quella dell’inflazione

Treviso. Ai tanti primati eonomici accumulati nei passati decenni e dei quali andare decisamente fieri, il capoluogo della Marca purtroppo ora deve aggiungere uno per niente positivo e molto preoccupante per gli effetti a catena che potrebbe provocare al tessuto sociale ed a quello imprenditoriale del nostro territorio.

Il dato dell’inflazione emerso di recente collocano la “piccola Venezia” del territorio trevigiano in una posizione per niente invidiabile. A livello nazionale è risultato infatti il peggiore in più settori commerciali e dei servizi rispetto a quelli registrati in altre zone della nostra penisola.

Un aumento del 6,1% di media che non fa felice nessuno ma che semmai provoca non trascurabili fibrillazioni cardiache ai cittadini ed agli imprenditori. In un momento nel quale l’emergenza sanitaria stenta ancora ad endemizzarsi e l’invasione della Federazione Russa in Ucraìna sta producendo i suoi devastanti effetti di perdite di vite umane e di gravissimi danni collaterali economici-finanziari, dei quali solo nei prossimi anni si potranno vedere le drammatiche conseguenze.

L’impennata dei costi della luce, del gas e del carburante hanno creato un effetto domino per niente rassicurante su tutti i comparti produttivi e di quelli dei beni di consumo, sia primari che secondari.

Nella nostra provincia, lo scorso febbraio, il settore degli alimentari ha subito un aumento dell’8,6% rispetto al 2021, quasi il doppio della media nazionale, che si è fermata, si fa per dire, ad un più 4,4%. Un consistente incremento dei prezzi ha riguardato anche il ramo dei mobilii, degli articoli e dei servizi per la casa. Un più 5,3% che risulta essere pure qui il peggiore rispetto a quello a livello nazionale.

Molto preoccupato è il Presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana Oscar Bernardi: “Occorre intervenire presto e nel modo più efficace possibile. Servono concreti aiuti economici per gli imprenditori e per le famiglie. Giorno dopo giorno i primi, a causa dell’esponenziale aumento del costo delle materie prime, vedono i propri margini di guadagno ridursi al lumicino in modo inesorabile, con il grave rischio di dover chiudere le proprie attività, mentre il costante ridimensionamento del potere d’acquisto dei consumatori limita drasticamente gli acquisti.”

© Riproduzione riservata