Primo piano

COVID. L’RT A LIVELLO NAZIONALE SCENDE ALLO 0,98. PREOCCUPAZIONE PER LE TERAPIE INYENSIVE DI 14 REGIONI CHE SUPERANO LA SOGLIA CRITICA
CRONACA. INDAGATE QUATTRO PERSONE PER AVER INVIATO NUMEROSI MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA CON GRAVI MINACCE AL MINISTRO SPERANZA
CRONACA. PER IL CONSIGLIO DI STATO OBBLIGO DI MASCHERINA ANCHE PER I BAMBINI SOTTO I 12 ANNI
CRONACA. TELECAMERE NASCOSTE IMMORTALANO L’UFFICIALE DI MARINA BIOT MENTRE FOTOGRAFA LO SCHERMO DEL PROPRIO PC SUL QUALE COMPAIONO DOCUMENTI CLASSIFICATI
CRONACA. PAPA FRANCESCO IN VISITA DAI POVERI E DAI SENZA TETTO NELL’ATRIO DELL’AULA PAOLO VI MENTRE SONO SOTTOPOSTI ALL’IMMUNIZZAZIONE DA SARS-COV-2
ESTERI. IN BRASILE IN 24 ORE SONO STATI VACCINATI 1 MILIONE DI CITTADINI, TRA LA PRIMA E LA SECONDA DOSE 23 MILIONI
ESTERI. OPERATORI TURISTICI TURCHI ORGANIZZANO VIAGGI IN RUSSIA PROPONENDO UN PACCHETTO COMPLETO: VIAGGIO, VACCINAZIONE E VISITA DELLA CAPITALE RUSSA
ESTERI. PRESUNTI ABUSI SESSUALI ED ATTI DI BULLISMO DA PARTE DI DUE MEMBRI DELL’ORGANIZZAZIONE BENEFICA BRITANNICA OXFAM. SONO STATI SOSPESI DAL LORO INCARICO, SONO IN CORSO INDAGINI
VENETO. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE DEL VENETO LUCA ZAIA: “DOPO PASQUA IL VENETO IN ZONA ARANCIONE”
VENETO. FINE DI UN INCUBO PER UN RISTORATORE DI VERONA INSERITO PER SBAGLIO NELLA LISTA NERA DEL TESORO DEGLI STATI UNITIA CAUSA DI UNO SCAMBIO DI IDENTITÀ, SI RITENEVA CHE FOSSE COINVOLTO IN UNA RETE CHE TENTAVA DI ELUDERE LE SANZIONI IMPOSTE DALL’EX PRESIDENTE AMERICANO DONALD TRUMP ALLA COMPAGNIA PETROLIFERA VENEZUELANA PETROLEOS
PROVINCIA. TUTTO PRONTO PER SABATO 03/04 PER LA VACCINAZIONE DI 4.278 NATI NEL 1935 DEL TERRITORIO DELLA MARCA, A CASTELFRANCO 419 CITTADINI VERRANNO IMMUNIZZATI DIRETTAMENTE IN AUTO
TREVISO. L’USL 2 HA COMUNICATO CHE SONO ARRIVATE NUOVE FORNITURE DI VACCINI, RIATTIVATO IL PORTALE PER LE PRENOTAZIONI NEL TREVIGIANO
Treviso City Web Radio

La nuova campagna di sensibilizzazione della Regione del Veneto per evitare il ritorno al distanziamento sociale

Logo-Regione-Veneto-1 - Copia

Venezia. “Basta una svista, una leggerezza e tutto tornerà a fermarsi” è  la frase ad effetto scelta per accompagnare le immagini del nuovo filmato realizzato dall’amministrazione regionale del Veneto per ammonire i cittadini a non abbassare la guardia.

Il Presidente della Regione Luca Zaia  amareggiato e deluso per i recenti episodi di indisciplina civica non esclude, qualora dovesse persistere  la disobbedienza sociale dei cittadini, in particolare dei più giovani, l’ipotesi ad un ritorno alle misure restrittive che ci hanno accompagnato negli ultimi mesi appena trascorsi per evitare una nuova possibile impennata della curva dei contagi da COVID-19.

Il messaggio è quello di non commettere l’errore di sottovalutare il rischio che è ancora presente tra noi ma, soprattutto, di compiere una serie di leggerezze che potrebbero risultare controproducenti, se non fatali, nella difficilissima lotta al contenimento della pandemia da coronavirus.

L’emergenza sanitaria non è affatto terminata ed è ben lungi dall’essere risolta in modo definitivo. Una pacca sulla spalla, un saluto ravvicinato ed intenso, un’eccessiva ilarità senza indossare la mascherina, una semplice stretta di mano, vengono volutamente accomunate alle immagini di pazienti gravemente malati in terapia intensiva.

Peccato per l’anglismo “Happy Hour?”. Banale, del tutto inutile e per niente incisivo. Cosa costava invece inserire una semplice frase in italiano come, ad esempio, “Il prossimo potresti essere tu”? Avendo l’iniziativa lo scopo di scuotere l’opinione pubblica veneta dal pericolo ancora presente ed attuale forse sarebbe stato, per quanto crudo e cinico, più indicato ed efficace.

shop now!

© Riproduzione riservata