Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

De’ Longhi sconfitta, i cecchini della Fortitudo Agrigento si aggiudicano Gara 1 (102-84)

2Agrigento. Nella prima sfida della fase finale per la promozione Treviso s’imbatte in una serata perfetta della Fortitudo Agrigento. Niente da fare per i “Fioi” di Pillastrini che non sono mai riusciti a rispondere alle percentuali in attacco da libro dei primati dei siciliani. Lungo tutto l’arco dell’incontro infatti i padroni di casa sono riusciti a controllare agevolmente la gara e mantenere a debita distanza gli ospiti grazie ad un attacco in stato di grazia: 14/25 da tre, 22/31 da due!

I 102 punti di fine gara degli agrigentini testimoniano quindi la grande autorevolezza con cui la Fortitudo ha gestito la partita sin dai primi minuti dell’incontro. La De’ Longhi dopo un incoraggiante avvio (+4) ed aver parzialmente tamponato il devastante dominio dell’attacco avversario a fine di primo quarto (28-24), non riuscirà però mai ad impensierire del tutto la difesa dei siciliani.

La serata speciale dei giocatori della Fortitudo Agrigento, panchina compresa, ha di fatto condizionato ed annullato qualsiasi tentativo di Treviso di recuperare il pesante svantaggio che si accumulava via via con il trascorrere del tempo.

I biancocelesti non sono mai riusciti infatti ad arginare il felicissimo tiro a segno dei siciliani, sempre concentrati e con una mano che resterà decisamente bollente a lungo durante tutta la gara. La De’ Longhi non ha certo mollato, ha resistito, ma cosa si poteva fare se agli avversari riusciva tutto quasi a rasentare la perfezione?

Fra due giorni, sabato 25 al Palaverde (20.30) ci sarà la rivincita. Nulla è ancora compromesso ma ci vorrà una vera e propria impresa per riuscire a superare una squadra così ispirata in attacco.

FORTITUDO AGRIGENTO – DE’ LONGHI TREVISO 102-84 (28-24; 57-44; 80-68)

Note: Spettatori 800. Tiri da due: Agrigento 22/31, Treviso 24/40. Tiri da tre: Agrigento 14/25, Treviso 9/24. Tiri Liberi: Agrigento 14/14, Treviso 8/11. Rimbalzi: Agrigento 23, Treviso 22; Assist: Agrigento 17, Treviso 16.

shop now!

© Riproduzione riservata