Primo Piano

QUIRINALE. VOTO AD OLTRANZA PER L’ELEZIONE DEL NUOVO CAPO DELLO STATO. A NORMA DI LEGGE I POSITIVI NON DOVREBBERO VOTARE MA L’ISTRUTTORIA CONTINUA
COVID. SETTE PROVINCIE SI TROVANO AL PICCO DEL NUMERO DI CONTAGI, 28 REGIONI LO HANNO RAGGIUNTO
COVID. CON L’OBBLIGO DI VACCINAZIONE PER GLI ULTRACINQUANTENNI EFFETTUATE 685 MILA PRIME DOSI
CRONACA. ROMA. DONNA SALVATA DAL BRACCIALETTO ANTI-MOLESTATORE. L’EX COMPAGNO È STATO ARRESTATO
TREVISO. L’EX BASSISTA DEL GRUPPO MUSICALE POOH RICOVERATO IN OSPEDALE AL CA’ FONCELLO PER UN’INFEZIONE AL CUORE NEL REPARTO DI TERAPIA INTENSIVA
TREVISO. SONO TORNATE LE RISSE TRA BANDE DI GIOVANI VIOLENTI NEL PIENO CENTRO DI TREVISO. DUECENTO ESAGITATI SI SFIDANO E BLOCCANO I MEZZI DI TRASPORTO
TREVISO. TAZZINA DEL CAFFÈ 1,50 EURO. IL DISTRETTO TREVIGIANO DELLA TORREFAZIONE IN GINOCCHIO: “LAVORIAMO IN PERDITA”
VENETO. COVID. 13.094 POSITIVI AL VIRUS E 21 DECESSI. IN ISOLAMENTO IL 5% DELLA POPOLAZIONE VENETA. DIECI MILIONI PERÒ LE INOCULAZIONI DEL VACCINO DALL’INIZIO DELLA CAMPAGNA DI IMMUNIZZAZIONE
VENETO. PADOVA. I PIRATI INFORMATCI DIFFONDONO MIGLIAIA DI DOCUMENTI E DATI SENSIBILI TRAFUGATI IN UN RECENTE FURTO INFORMATICO PER COSTRINGERE L’AZIENDA SANITARIA EUGANEA A PAGARE IL RISCATTO. L’ULSS 6: “NON PAGHEREMO NESSUN RISCATTO!”
Treviso City Web Radio

De’ Longhi sconfitta, i cecchini della Fortitudo Agrigento si aggiudicano Gara 1 (102-84)

2Agrigento. Nella prima sfida della fase finale per la promozione Treviso s’imbatte in una serata perfetta della Fortitudo Agrigento. Niente da fare per i “Fioi” di Pillastrini che non sono mai riusciti a rispondere alle percentuali in attacco da libro dei primati dei siciliani. Lungo tutto l’arco dell’incontro infatti i padroni di casa sono riusciti a controllare agevolmente la gara e mantenere a debita distanza gli ospiti grazie ad un attacco in stato di grazia: 14/25 da tre, 22/31 da due!

I 102 punti di fine gara degli agrigentini testimoniano quindi la grande autorevolezza con cui la Fortitudo ha gestito la partita sin dai primi minuti dell’incontro. La De’ Longhi dopo un incoraggiante avvio (+4) ed aver parzialmente tamponato il devastante dominio dell’attacco avversario a fine di primo quarto (28-24), non riuscirà però mai ad impensierire del tutto la difesa dei siciliani.

La serata speciale dei giocatori della Fortitudo Agrigento, panchina compresa, ha di fatto condizionato ed annullato qualsiasi tentativo di Treviso di recuperare il pesante svantaggio che si accumulava via via con il trascorrere del tempo.

I biancocelesti non sono mai riusciti infatti ad arginare il felicissimo tiro a segno dei siciliani, sempre concentrati e con una mano che resterà decisamente bollente a lungo durante tutta la gara. La De’ Longhi non ha certo mollato, ha resistito, ma cosa si poteva fare se agli avversari riusciva tutto quasi a rasentare la perfezione?

Fra due giorni, sabato 25 al Palaverde (20.30) ci sarà la rivincita. Nulla è ancora compromesso ma ci vorrà una vera e propria impresa per riuscire a superare una squadra così ispirata in attacco.

FORTITUDO AGRIGENTO – DE’ LONGHI TREVISO 102-84 (28-24; 57-44; 80-68)

Note: Spettatori 800. Tiri da due: Agrigento 22/31, Treviso 24/40. Tiri da tre: Agrigento 14/25, Treviso 9/24. Tiri Liberi: Agrigento 14/14, Treviso 8/11. Rimbalzi: Agrigento 23, Treviso 22; Assist: Agrigento 17, Treviso 16.

shop now!

© Riproduzione riservata