Primo piano

COVID. ALLARME IN GRAN BRETAGNA. GRANDE PREOCCUPAZIONE DELL’AUTORITÀ BRITANNICHE PER LA VARIANTE DELTA LA CUI TRASMISSIBILITÀ SUPERA IL 60%
COVID. LA 18ENNE CAMILLA CANEPA, DECEDUTA DOPO ESSERE STATA VACCINATA CON ASTRAZENECA, SOFFRIVA DI UNA MALATTIA AUTOIMMUNE. S’INDAGA SE NELLA CARTELLA CLINICA DELLA RAGAZZA SIANO STATE CORRETTAMENTE EVIDENZIATE LE PATOLOGIE DI CUI SOFFRIVA
COVID. DAL PROSSIMO LUNEDÌ 40,5 MILIONI DI ITALIANI SI TROVERANNO IN ZONA BIANCA. INDICE RT STABILE A 0.68.
ESTERI. PRIMO VERTICE DEL G7 DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DRAGHI SARÀ IL RELATORE PRINCIPALE NEL CORSO DELLA SESSIONE SULLA RIPRESA ECONOMICA
ESTERI. ALLARME DELLE NAZIONI UNITE PER LA SITUAZIONE IN ETIOPIA. NEL TIGRAY OLTRE 350.000 PERSONE ALLA FAME
SALUTE. CON IL LAVORO DA CASA IL CO2 IN ITALIA SI RIDURREBBE COME 60 MILIONI DI VOLI LONDRA-BERLINO IN MENO
CRONACA. IL CUGINO DI SAMAN SI AVVALE DELLA FACOLTÀ DI NON RISPONDERE E NEGA IL SUO COINVOLGIMENTO NELLA SCOMPARSA DELLA RAGAZZA PAKISTANA
COVID. PER GLI ULTRASESSANTENNI CHE NELLA PRIMA DOSE HANNO RICEVUTO L’ASTRAZENECA IL RICHIAMO SARÀ EFFETTUATO CON PFIZER OPPURE MODERNA
Treviso City Web Radio

De’ Longhi sconfitta, i cecchini della Fortitudo Agrigento si aggiudicano Gara 1 (102-84)

2Agrigento. Nella prima sfida della fase finale per la promozione Treviso s’imbatte in una serata perfetta della Fortitudo Agrigento. Niente da fare per i “Fioi” di Pillastrini che non sono mai riusciti a rispondere alle percentuali in attacco da libro dei primati dei siciliani. Lungo tutto l’arco dell’incontro infatti i padroni di casa sono riusciti a controllare agevolmente la gara e mantenere a debita distanza gli ospiti grazie ad un attacco in stato di grazia: 14/25 da tre, 22/31 da due!

I 102 punti di fine gara degli agrigentini testimoniano quindi la grande autorevolezza con cui la Fortitudo ha gestito la partita sin dai primi minuti dell’incontro. La De’ Longhi dopo un incoraggiante avvio (+4) ed aver parzialmente tamponato il devastante dominio dell’attacco avversario a fine di primo quarto (28-24), non riuscirà però mai ad impensierire del tutto la difesa dei siciliani.

La serata speciale dei giocatori della Fortitudo Agrigento, panchina compresa, ha di fatto condizionato ed annullato qualsiasi tentativo di Treviso di recuperare il pesante svantaggio che si accumulava via via con il trascorrere del tempo.

I biancocelesti non sono mai riusciti infatti ad arginare il felicissimo tiro a segno dei siciliani, sempre concentrati e con una mano che resterà decisamente bollente a lungo durante tutta la gara. La De’ Longhi non ha certo mollato, ha resistito, ma cosa si poteva fare se agli avversari riusciva tutto quasi a rasentare la perfezione?

Fra due giorni, sabato 25 al Palaverde (20.30) ci sarà la rivincita. Nulla è ancora compromesso ma ci vorrà una vera e propria impresa per riuscire a superare una squadra così ispirata in attacco.

FORTITUDO AGRIGENTO – DE’ LONGHI TREVISO 102-84 (28-24; 57-44; 80-68)

Note: Spettatori 800. Tiri da due: Agrigento 22/31, Treviso 24/40. Tiri da tre: Agrigento 14/25, Treviso 9/24. Tiri Liberi: Agrigento 14/14, Treviso 8/11. Rimbalzi: Agrigento 23, Treviso 22; Assist: Agrigento 17, Treviso 16.

shop now!

© Riproduzione riservata