Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

I Leoni continuano a non ruggire, il Benetton Rugby ancora sconfitto (13-32)

011-7D2_4027[1] - CopiaMonigo (TV). La partita inizia con un sostanziale equilibrio. Nessuna delle due squadre riesce a prendere il pallino del gioco e quindi il sopravvento sull’altra. Il ritmo è decisamente lento. Bene per Treviso che così non rischia di subire subito la pressione dei più quotati avversari. La cronica indisciplina dei veneti regala però molto presto all’Ulster la prima punizione della partita. Al 10′ infatti Ian Humphreys non si lascia scappare l’occasione di portare la propria squadra in vantaggio (0-3).

I trevigiani reagiscono e per una ventina di minuti fa sua la partita. Nulla di ecclatante ma scalda ugualmente gli animi degli infreddoliti tifosi sugli spalti. Si concretizza tuttavia poco. In buona sostanza le moltepilci multifasi risultano sterili e poco efficaci per scardinare la difesa degli ospiti. Non c’è un convinto avanzamento, le gambe dei biancoverdi sembrano spesso molli e la gestione della palla è avvolte improvvisata. Gli avanti si sprecano. Alla fine qualcosa di positivo arriva lo stesso. Al 32’, grazie ad un vantaggio, la squadra di Marius Goosen si guadagna una punizione che le consente di rimettere momentaneamente le cose a posto (3-3). Ma è solo un attimo. Poco prima dello scadere del primo tempo i nordirlandesi vanno di nuovo in vantaggio. E’ sempre Humphreys a presentarsi sulla piazzola. Il primo tempo finisce dunque con l’Ulster che con il minimo sindacale è in vantaggio sui biancoverdi (3-6).

Nei primi minuti della ripresa ci si illude che i Leoni riescano a continuare sulla falsa riga della prima frazione di gioco. Al 48’ arriva infatti il pareggio dei padroni di casa ma è solo un abbaglio. Gli ospiti sono tornati dagli spogliatoi con una marcia in più rispetto ai trevigiani. Dominano con disinvoltura sia la “maul” che la mischia.  Al 53’ arriva la meta di Van der Merve. L’equilibrio di una partita non particolarmente bella a vedersi si rompe definitivamente (6-13).  Il Benetton soffre e sbanda parecchio. Così al 58’ Cave piazza l’ovale per la seconda meta dei nordirlandesi. Segue la trasformazione del solito Humphreys (6-20). Un uno-due che stordisce e mette in ginocchio Treviso.

La gara si chiude definitivamente al 63’. Christie gestisce malissimo il possesso e lascia campo libero a Rory Scholes che non si fa pregare due volte. Ringrazia e s’invola senza ostacoli in meta (6-27). I nordirlandesi sono alla ricerca della meta del bonus che arriva al 73’ con Olding (6-32). C’è tempo anche per quella dell’orgoglio per i trevigiani. E’ Steyn che deposita la palla in meta (13-32). La sfida si chiude e l’Ulster si porta a casa 5 punti mentre il Benetton  incassa la 13° sconfitta in Pro 12.

BENETTON TREVISO – ULSTER 13-32 Marcatori: 10′ cp. Humphreys, 32′ c. Hayward, 39′ cp. Humphreys, 48′ cp. Hayward, 53′ m. van der Merwe tr. Humphreys, 58′ m. Cave tr. Humphreys, 63′ m. Scholes tr. Humphreys, 73′ m. Olding, 78′ m. Steyn tr. Hayward. (Foto: Sito Benetton Rugby)

shop now!

© Riproduzione riservata