Primo piano

COVID. ALLARME IN GRAN BRETAGNA. GRANDE PREOCCUPAZIONE DELL’AUTORITÀ BRITANNICHE PER LA VARIANTE DELTA LA CUI TRASMISSIBILITÀ SUPERA IL 60%
COVID. LA 18ENNE CAMILLA CANEPA, DECEDUTA DOPO ESSERE STATA VACCINATA CON ASTRAZENECA, SOFFRIVA DI UNA MALATTIA AUTOIMMUNE. S’INDAGA SE NELLA CARTELLA CLINICA DELLA RAGAZZA SIANO STATE CORRETTAMENTE EVIDENZIATE LE PATOLOGIE DI CUI SOFFRIVA
COVID. DAL PROSSIMO LUNEDÌ 40,5 MILIONI DI ITALIANI SI TROVERANNO IN ZONA BIANCA. INDICE RT STABILE A 0.68.
ESTERI. PRIMO VERTICE DEL G7 DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DRAGHI SARÀ IL RELATORE PRINCIPALE NEL CORSO DELLA SESSIONE SULLA RIPRESA ECONOMICA
ESTERI. ALLARME DELLE NAZIONI UNITE PER LA SITUAZIONE IN ETIOPIA. NEL TIGRAY OLTRE 350.000 PERSONE ALLA FAME
SALUTE. CON IL LAVORO DA CASA IL CO2 IN ITALIA SI RIDURREBBE COME 60 MILIONI DI VOLI LONDRA-BERLINO IN MENO
CRONACA. IL CUGINO DI SAMAN SI AVVALE DELLA FACOLTÀ DI NON RISPONDERE E NEGA IL SUO COINVOLGIMENTO NELLA SCOMPARSA DELLA RAGAZZA PAKISTANA
COVID. PER GLI ULTRASESSANTENNI CHE NELLA PRIMA DOSE HANNO RICEVUTO L’ASTRAZENECA IL RICHIAMO SARÀ EFFETTUATO CON PFIZER OPPURE MODERNA
Treviso City Web Radio

I Leoni messi in ginocchio dall’Ulster (48-7)

rugby-union-generic-desktop-sport-thousands-of-141198[1]Belfast. Nella terza uscita dei trevigiani ecco materializzarsi di nuovo quello che sembrava ormai solo un lontano incubo. Vicende da relegare in un album dei ricordi che non si ama particolarmente riaprire. Invece niente, tutto da capo. Riparte la bobina di un film più volte visto la scorsa stagione.  Una sconfitta pesante che non concede repliche. Fischio d’inizio e alla prima incisiva ondata nordirlandese arriva subito la prima meta della partita ad opera di Tuhoy. E siamo solo al 6’ del primo tempo. Non si attenderà molto per vederne altre realizzate dai padroni di casa. Infatti, lo seguiranno Reidy (21’), Marshall (33’) e Gilroy (39’). Per tutto il primo tempo i Leoni non fanno che complicarsi la vita, sbagliando un calcio, numerosi placcaggi, incassando due cartellini gialli uno dietro l’altro (Harden e Barbini). In conclusione, un 27-0 che la dice lunga su come sono andate le cose per i biancoverdi nel primo tempo.

Un breve, brevissimo bagliore illumina i primi dieci minuti della ripresa del Benetton Treviso. Da un errore di Hayward che non indovina la touche e dalla conseguente mischia, la squadra veneta riesce a rubare l’ovale agli avversari con Budd. Riceve dunque Smylie che manda in meta Christie (8’). L’azione è velocissima, bellissima ma finisce tutto qui. Troppo poco. I continui e banali errori dei ragazzi di Casellato non fanno che agevolare il compito all’Ulster. Al 57’ è infatti il turno di Browne. Grazie alle mete sin qui segnate ed alle relative conversioni di McCloskey (8’, 22’, 57’), si giunge così all’ora di gioco sul 34-7 per i nordirlandesi. Passano pochi minuti ed uno scarico di Wilson permette a Gilroy di realizzare la sua seconda meta (65’). Segue la conversione di Nelson. Prima del fischio finale che manda i giocatori negli spogliatoi arriva anche la meta di Stevenson (75’). All’ottantesimo il tabellone fissa il risultato sull’impietoso punteggio di 48-7.

Al Kingspan Stadium si chiude una brutta e pesante sconfitta per la compagine veneta. Le numerose assenze non possono, non devono essere un alibi. Anche le altre squadre del torneo hanno molti giocatori impegnati nei mondiali di rugby in corso di svolgimento in questi giorni in Inghilterra. Quindi c’è molto da lavorare, solo da lavorare.

Marcatori Ulster Mete: Tuohy (6′), Reidy (21′), Marshall (33′), Gilroy (39′, 65′), Browne  (57′), Stevenson (75′) Conversioni: McCloskey  (8′, 22′, 57′), Nelson (65′, 75′) Punizioni: McCloskey  (11′).

Marcatori Benetton Mete: Christie (48′) Conversioni: Hayward  (48′).

shop now!

© Riproduzione riservata