Primo piano

COVID. L’RT A LIVELLO NAZIONALE SCENDE ALLO 0,98. PREOCCUPAZIONE PER LE TERAPIE INYENSIVE DI 14 REGIONI CHE SUPERANO LA SOGLIA CRITICA
CRONACA. INDAGATE QUATTRO PERSONE PER AVER INVIATO NUMEROSI MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA CON GRAVI MINACCE AL MINISTRO SPERANZA
CRONACA. PER IL CONSIGLIO DI STATO OBBLIGO DI MASCHERINA ANCHE PER I BAMBINI SOTTO I 12 ANNI
CRONACA. TELECAMERE NASCOSTE IMMORTALANO L’UFFICIALE DI MARINA BIOT MENTRE FOTOGRAFA LO SCHERMO DEL PROPRIO PC SUL QUALE COMPAIONO DOCUMENTI CLASSIFICATI
CRONACA. PAPA FRANCESCO IN VISITA DAI POVERI E DAI SENZA TETTO NELL’ATRIO DELL’AULA PAOLO VI MENTRE SONO SOTTOPOSTI ALL’IMMUNIZZAZIONE DA SARS-COV-2
ESTERI. IN BRASILE IN 24 ORE SONO STATI VACCINATI 1 MILIONE DI CITTADINI, TRA LA PRIMA E LA SECONDA DOSE 23 MILIONI
ESTERI. OPERATORI TURISTICI TURCHI ORGANIZZANO VIAGGI IN RUSSIA PROPONENDO UN PACCHETTO COMPLETO: VIAGGIO, VACCINAZIONE E VISITA DELLA CAPITALE RUSSA
ESTERI. PRESUNTI ABUSI SESSUALI ED ATTI DI BULLISMO DA PARTE DI DUE MEMBRI DELL’ORGANIZZAZIONE BENEFICA BRITANNICA OXFAM. SONO STATI SOSPESI DAL LORO INCARICO, SONO IN CORSO INDAGINI
VENETO. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE DEL VENETO LUCA ZAIA: “DOPO PASQUA IL VENETO IN ZONA ARANCIONE”
VENETO. FINE DI UN INCUBO PER UN RISTORATORE DI VERONA INSERITO PER SBAGLIO NELLA LISTA NERA DEL TESORO DEGLI STATI UNITIA CAUSA DI UNO SCAMBIO DI IDENTITÀ, SI RITENEVA CHE FOSSE COINVOLTO IN UNA RETE CHE TENTAVA DI ELUDERE LE SANZIONI IMPOSTE DALL’EX PRESIDENTE AMERICANO DONALD TRUMP ALLA COMPAGNIA PETROLIFERA VENEZUELANA PETROLEOS
PROVINCIA. TUTTO PRONTO PER SABATO 03/04 PER LA VACCINAZIONE DI 4.278 NATI NEL 1935 DEL TERRITORIO DELLA MARCA, A CASTELFRANCO 419 CITTADINI VERRANNO IMMUNIZZATI DIRETTAMENTE IN AUTO
TREVISO. L’USL 2 HA COMUNICATO CHE SONO ARRIVATE NUOVE FORNITURE DI VACCINI, RIATTIVATO IL PORTALE PER LE PRENOTAZIONI NEL TREVIGIANO
Treviso City Web Radio

Le cantine della Docg sotto la lente del Nas

spumante[1]Valdobbiadene. Milioni di bottiglie di Prosecco taroccate con uva di bassa qualità sono state sequestrate dai Nas della provincia di Treviso. Un’inchiesta dei Carabinieri del reparto antisofisticazione della Marca ha fatto emergere lo scandolo delle bollicine. Numerose cantine, tra le province di Treviso, Belluno, Venezia, ed in particolare quelle della zona del Docg, mescolavano il vino con altre varietà decisamente meno pregiate non previste dalla normativa vigente che regolamenta il settore. Il vino venduto agli appassionati del genere era dunque di qualità inferiore e non poteva quindi essere venduto con il marchio di qualità che dovrebbe attestare la genuinità del prodotto immesso nel mercato.

L’inchiesta non è ancora chiusa. Si attendono infatti ulteriori sviluppi. Un primo bilancio parla però già di decine di cantine messe sotto torchio, con milioni di confezioni sequestrate e destinate ad essere declassate o distrutte.

Tutto è nato durante l’ultima vendemmia. I Carabinieri, controllando i registri delle bolle di carico e scarico delle realtà agricole, hanno notato che nonostante le condizioni meteorologiche del 2014 non fossero state per niente ideali, la produzione nel gennaio 2015 risultava essere esattamente uguale a quella degli anni precedenti. Scattano così i controlli che hanno fatto emergere il trucco: i produttori allungavano il Prosecco perché o erano insufficienti per quantità o perché non avevano un grado alcolico conforme ai parametri previsti per attestare l’effettiva autenticità del prodotto.

È un duro colpo per i soggetti coinvolti che rischiano la chiusura della propria attività ma, forse ancor di più, per la credibilità internazionale del Prosecco che tanto successo ha ottenuto negli ultimi anni, conquistandosi ampie fette di mercato che potrebbero essere ora a rischio.

shop now!

© Riproduzione riservata