Primo piano

COVID. L’RT A LIVELLO NAZIONALE SCENDE ALLO 0,98. PREOCCUPAZIONE PER LE TERAPIE INYENSIVE DI 14 REGIONI CHE SUPERANO LA SOGLIA CRITICA
CRONACA. INDAGATE QUATTRO PERSONE PER AVER INVIATO NUMEROSI MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA CON GRAVI MINACCE AL MINISTRO SPERANZA
CRONACA. PER IL CONSIGLIO DI STATO OBBLIGO DI MASCHERINA ANCHE PER I BAMBINI SOTTO I 12 ANNI
CRONACA. TELECAMERE NASCOSTE IMMORTALANO L’UFFICIALE DI MARINA BIOT MENTRE FOTOGRAFA LO SCHERMO DEL PROPRIO PC SUL QUALE COMPAIONO DOCUMENTI CLASSIFICATI
CRONACA. PAPA FRANCESCO IN VISITA DAI POVERI E DAI SENZA TETTO NELL’ATRIO DELL’AULA PAOLO VI MENTRE SONO SOTTOPOSTI ALL’IMMUNIZZAZIONE DA SARS-COV-2
ESTERI. IN BRASILE IN 24 ORE SONO STATI VACCINATI 1 MILIONE DI CITTADINI, TRA LA PRIMA E LA SECONDA DOSE 23 MILIONI
ESTERI. OPERATORI TURISTICI TURCHI ORGANIZZANO VIAGGI IN RUSSIA PROPONENDO UN PACCHETTO COMPLETO: VIAGGIO, VACCINAZIONE E VISITA DELLA CAPITALE RUSSA
ESTERI. PRESUNTI ABUSI SESSUALI ED ATTI DI BULLISMO DA PARTE DI DUE MEMBRI DELL’ORGANIZZAZIONE BENEFICA BRITANNICA OXFAM. SONO STATI SOSPESI DAL LORO INCARICO, SONO IN CORSO INDAGINI
VENETO. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE DEL VENETO LUCA ZAIA: “DOPO PASQUA IL VENETO IN ZONA ARANCIONE”
VENETO. FINE DI UN INCUBO PER UN RISTORATORE DI VERONA INSERITO PER SBAGLIO NELLA LISTA NERA DEL TESORO DEGLI STATI UNITIA CAUSA DI UNO SCAMBIO DI IDENTITÀ, SI RITENEVA CHE FOSSE COINVOLTO IN UNA RETE CHE TENTAVA DI ELUDERE LE SANZIONI IMPOSTE DALL’EX PRESIDENTE AMERICANO DONALD TRUMP ALLA COMPAGNIA PETROLIFERA VENEZUELANA PETROLEOS
PROVINCIA. TUTTO PRONTO PER SABATO 03/04 PER LA VACCINAZIONE DI 4.278 NATI NEL 1935 DEL TERRITORIO DELLA MARCA, A CASTELFRANCO 419 CITTADINI VERRANNO IMMUNIZZATI DIRETTAMENTE IN AUTO
TREVISO. L’USL 2 HA COMUNICATO CHE SONO ARRIVATE NUOVE FORNITURE DI VACCINI, RIATTIVATO IL PORTALE PER LE PRENOTAZIONI NEL TREVIGIANO
Treviso City Web Radio

La scuola che sconfigge il razzismo, l’omofobia e le paure

12088234_1667624170120046_7724647921289343047_n[1]Conegliano. In piazza per superare ogni tipo di discriminazione culturale, etnica e sessuale. In piazza per costruire un futuro senza barriere sociali che ostacolino ogni forma di integrazione, in un mondo che non cessa di correre e che alimenta sempre più pericolosissimi estremismi.

La “Rete degli Studenti” delle Scuole Medie di Conegliano ha accettato la sfida e si è messa in gioco per dimostrare che anche le nuove generazioni hanno una coscienza sociale. Una voglia matta di democrazia, di solidarietà e di lavoro.

“Abbattiamo i muri, costruiamo il futuro” è il motto che riassume alla perfezione lo scopo della manifestazione che di recente è stata organizzata nel centro della deliziosa e suggestiva cittadina che diede i natali al Cima. Il piazzale di San Pio X è stato il punto nevralgico da cui l’evento ha preso vita, scivolando poi per le vie cittadine inneggiando ai valori della libertà, della giustizia, della vera “Buona Scuola”. Non quella condizionata dalle logiche di bilancio, non quella artefatta da interventi estetici utili solo a mascherare qualche ruga di troppo di un’istituzione che fatica a stare al passo con i ritmi di un’era confusa, sempre più in balia dei personalismi sociali e geopolitici.

La loro proposta è chiara. La loro speranza è semplice: una scuola che accolga e non discrimini. Una scuola che si basi sul diritto allo studio e che garantisca quindi l’accesso al sapere a tutti. Una scuola che costruisca ponti e non ghetti. Solidarietà e sussidiarietà come spinte propulsive per uno stato sociale che non offra solo i servizi minimi garantiti ma che, organizzato e sostenuto finanziariamente a dovere, assicuri a tutti quel benessere che i nostri costituenti hanno lodevolmente inserito nella carta fondamentale del nostro ordinamento giuridico.

Senza paure ma, soprattutto, senza rinunciare a lottare contro la xenofobia, l’omofobia, il razzismo e l’antieuropeismo imperanti che la crisi economica, la disoccupazione e la povertà hanno inevitabilmente rilanciato.

shop now!

© Riproduzione riservata