Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

Il centro di Treviso si rianima, musei aperti e mercatini dell’antiquariato le carte vincenti

01Treviso. Domenica scorsa turisti e curiosi  si sono proprio goduti il centro della Marca Trevigiana. Tra mercatini che anticipano le prossime festività natalizie, i musei cittadini che continuano senza soluzione di continuità ad attirare turisti ed amanti dell’arte, manifestazioni per sensibilizzare l’opinione pubblica sul gravissimo ed ancora oggi irrisolto problema dei cambiamenti climatici del nostro pianeta, ecco che il capoluogo trevigiano ha vissuto un fine settimana da grandi numeri. Code al Bailo ed a Santa Caterina, famiglie e curiosi che hanno passeggiato per le bancherelle di Borgo Cavour, magari già in cerca di qualche idea originale per un regalo di Natale da donare ai propri cari, ed infine, quelli più coinvolti alle tematiche del nostro pianeta malato, che hanno animato le vie cittadine partecipando alla Marcia per il clima in una giornata che, per una volta negli ultimi giorni, non è stata caratterizzata da temperature particolarmente rigide. Festoso corollario di questa bella giornata di fine novembre è stato il Villaggio di Natale allestito nei pressi di Porta Santi Quaranta dove grandi e piccini si sono potuti sbizzarrire tra la ruota panoramica e la pista di ghiaccio.

shop now!

© Riproduzione riservata