Primo piano

COVID. ALLARME IN GRAN BRETAGNA. GRANDE PREOCCUPAZIONE DELL’AUTORITÀ BRITANNICHE PER LA VARIANTE DELTA LA CUI TRASMISSIBILITÀ SUPERA IL 60%
COVID. LA 18ENNE CAMILLA CANEPA, DECEDUTA DOPO ESSERE STATA VACCINATA CON ASTRAZENECA, SOFFRIVA DI UNA MALATTIA AUTOIMMUNE. S’INDAGA SE NELLA CARTELLA CLINICA DELLA RAGAZZA SIANO STATE CORRETTAMENTE EVIDENZIATE LE PATOLOGIE DI CUI SOFFRIVA
COVID. DAL PROSSIMO LUNEDÌ 40,5 MILIONI DI ITALIANI SI TROVERANNO IN ZONA BIANCA. INDICE RT STABILE A 0.68.
ESTERI. PRIMO VERTICE DEL G7 DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DRAGHI SARÀ IL RELATORE PRINCIPALE NEL CORSO DELLA SESSIONE SULLA RIPRESA ECONOMICA
ESTERI. ALLARME DELLE NAZIONI UNITE PER LA SITUAZIONE IN ETIOPIA. NEL TIGRAY OLTRE 350.000 PERSONE ALLA FAME
SALUTE. CON IL LAVORO DA CASA IL CO2 IN ITALIA SI RIDURREBBE COME 60 MILIONI DI VOLI LONDRA-BERLINO IN MENO
CRONACA. IL CUGINO DI SAMAN SI AVVALE DELLA FACOLTÀ DI NON RISPONDERE E NEGA IL SUO COINVOLGIMENTO NELLA SCOMPARSA DELLA RAGAZZA PAKISTANA
COVID. PER GLI ULTRASESSANTENNI CHE NELLA PRIMA DOSE HANNO RICEVUTO L’ASTRAZENECA IL RICHIAMO SARÀ EFFETTUATO CON PFIZER OPPURE MODERNA
Treviso City Web Radio

Un “Memoriale della Grande Guerra” a Montebelluna

villa_carrer-2[1]MONTEBELLUNA. La storica Villa Correr Pisani di Biadene sarà presto più bella che mai grazie ad un corposo investimento finanziario erogato da Veneto Banca per sostenere un’importante operazione di salvaguardia e valorizzazione della struttura. Dopo 40 anni il Comune di Montebelluna, proprietaria dell’edificio, potrà finalmente realizzare quello che per troppo tempo è rimasto soltanto un sogno nel cassetto per tutte le amministrazioni che si sono succedute nel corso dei decenni: fare di Villa Correr Pisani la “Porta del Montello” e, contemporaneamente al suo interno, ospitare un Memoriale della Grande Guerra sul modello di quelli francesi. In questi luoghi infatti, dopo la disfatta di Caporetto, le forze armate italiane si riorganizzarono formando proprio sul Piave e sul Montello quella eroica ed invalicabile linea di difesa che tante struggenti melodie dei cori alpini ricordano sempre con passione ed orgoglio.

L’obiettivo di questa iniziativa è dunque quello di rendere la villa il fiore all’occhiello culturale delle zone del Montello, promuovendone le peculiarità turistiche sia a livello nazionale che internazionale.

Il costo totale dell’operazione ammonta a circa 5,5 milioni di euro ed è reso possibile grazie ad una sinergia finanziaria tra Veneto Banca, Regione e Comune.

shop now!

© Riproduzione riservata