Primo piano

COVID. ALLARME IN GRAN BRETAGNA. GRANDE PREOCCUPAZIONE DELL’AUTORITÀ BRITANNICHE PER LA VARIANTE DELTA LA CUI TRASMISSIBILITÀ SUPERA IL 60%
COVID. LA 18ENNE CAMILLA CANEPA, DECEDUTA DOPO ESSERE STATA VACCINATA CON ASTRAZENECA, SOFFRIVA DI UNA MALATTIA AUTOIMMUNE. S’INDAGA SE NELLA CARTELLA CLINICA DELLA RAGAZZA SIANO STATE CORRETTAMENTE EVIDENZIATE LE PATOLOGIE DI CUI SOFFRIVA
COVID. DAL PROSSIMO LUNEDÌ 40,5 MILIONI DI ITALIANI SI TROVERANNO IN ZONA BIANCA. INDICE RT STABILE A 0.68.
ESTERI. PRIMO VERTICE DEL G7 DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DRAGHI SARÀ IL RELATORE PRINCIPALE NEL CORSO DELLA SESSIONE SULLA RIPRESA ECONOMICA
ESTERI. ALLARME DELLE NAZIONI UNITE PER LA SITUAZIONE IN ETIOPIA. NEL TIGRAY OLTRE 350.000 PERSONE ALLA FAME
SALUTE. CON IL LAVORO DA CASA IL CO2 IN ITALIA SI RIDURREBBE COME 60 MILIONI DI VOLI LONDRA-BERLINO IN MENO
CRONACA. IL CUGINO DI SAMAN SI AVVALE DELLA FACOLTÀ DI NON RISPONDERE E NEGA IL SUO COINVOLGIMENTO NELLA SCOMPARSA DELLA RAGAZZA PAKISTANA
COVID. PER GLI ULTRASESSANTENNI CHE NELLA PRIMA DOSE HANNO RICEVUTO L’ASTRAZENECA IL RICHIAMO SARÀ EFFETTUATO CON PFIZER OPPURE MODERNA
Treviso City Web Radio

Beppe Ciardi e la sua famiglia a Quinto di Treviso, documenti di vita e d’arte

3.htm4[1]Quinto di Treviso. Dal 10 aprile scorso presso la Villa Merno Giordani Valeri di Quinto di Treviso si può visitare la mostra dedicata alla dinastia dei pittori veneziani che è un vero e proprio ritratto di famiglia in villa. Un interessante affresco sulla vita sociale, artistica, rurale e politica di Venezia e della Marca a cavallo di due secoli, tra il 1882 ed il 1952, attraverso diari, documenti inediti, manoscritti autografi, ritratti e dipinti di una famiglia piena di creatività ed ingegno che ha segnato la vita culturale veneta.

Nicola Pezzella, curatore della mostra:“Dopo la morte di Emilia, la moglie di Beppe Ciardi, avvenuta nel 1952, l’unica figlia Maria Teresa e la nipote Linda decisero di vendere tutto: le campagne, la villa di Quinto, la collezione di 300 opere tra dipinti, sculture ed arredi pregiati che l’artista aveva lasciato alla sua scomparsa nel 1932. Fu così dispersa un’imponente collezione che Emilia usava chiamare il Sacrario.”

shop now!

© Riproduzione riservata