Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

Contro la Reyer Venezia una De’ Longhi che non ti aspetti

38Caorle (Ve). Il Treviso si trova ancora in piena fase di preparazione. Non si discute. Affronta il periodo di precampionato alternando momenti ispirati ad altri meno felici. È normale. Il lavoro da svolgere per arrivare al meglio ai blocchi di partenza della nuova stagione agonistica s’intensifica ogni giorno e può legittimamente complicarsi un poco. Tuttavia, anche se i risultati sportivi di questo periodo di transizione hanno il valore che hanno, perché non gioire comunque dell’uno-due dei biancoazzurri dello scorso fine settimana nel torneo internazionale vinto a Caorle dalla De’ Longhi? Perché archiviare subito questo successo di fine settembre solo perché conquistato in un’amichevole estiva disputata in una deliziosa cittadina balneare del nostro amato veneto?

Prima la vittoria sui competitivi lituani dello Zalgiris Kaunas poi, in finale, il successo sui cugini dell’Umana Reyer Venezia di A1 che lo scorso campionato, sotto la lucida e competente guida di Recalcati, hanno quasi sfiorato il gran colpaccio costruendosi una stagione da mettere in ogni caso in bacheca. È stato un derby infuocato che ha premiato la prova di carattere e la maturità dei trevigiani. È stata una sfida che ha messo alla prova la panchina, visto le assenze giustificate di Negri, Fabi e Vadi. Con un Powell esplosivo (31p), un Corbett sempre più presente negli schemi della squadra (16p) ed i corazzieri Rinaldi ed Ancellotti che hanno garantito reattività e presenza nell’area pitturata. Poteva finire diversamente? Una vittoria in un’amichevole è sempre comunque un successo. Ancora più importante se aiuta a migliorarsi per una A2 ormai alle porte.

Venezia parte alla grande ed il primo quarto è sostanzialmente tutto suo con un +9 che non concede repliche. Nel secondo quarto la De’ Longhi dimostra di esserci, eccome! Due triple di Corbett sono il volano per un esaltante parziale (10-0) grazie al quale i biancocelesti costruiscono il sorpasso a danno dei veneziani. Incontenibile la gioia dei “Fioi dea Sud”. Nel terzo quarto le squadre si braccano e restano a lungo a contatto. I trevigiani rispondono colpo su colpo. In una manciata di secondi il capitano della Reyer, Goss, incassa un doppio tecnico. Una tripla di Busetto e quelle a ruota del migliore giocatore del torneo Marshawn Powell permettono a Treviso di prendere il sopravvento sugli avversari. A 6’ dalla fine il punteggio sul tabellone segnala il 63-69 a favore dei i trevigiani. Venezia però non rinuncia a lottare. La coppia Powell-Corbett garantisce alla De’ Longhi concretezza in attacco. La grinta e la determinazione di Moretti non sono da meno.

I minuti passano. Mancano 3’ ed il risultato continua a sorridere ai trevigiani. Un canestro di Corbett fissa il punteggio sul 70-77. C’è tempo per una bellissima stoppata di Ancellotti su Owens, per una difesa dei biancocelesti in gran spolvero contro l’Umana. Si arriva alla sirena di fine gara con la De’ Longhi TVB che supera l’Umana Reyer 75-83. Si scrive Caorle ma si legge Treviso. Piccole soddisfazioni che però possono aiutare a diventare grandi.

UMANA REYER VENEZIA – DE’ LONGHI TREVISO BASKET 75-83

UMANA: Peric 17 (3/5, 3/7), Goss 16 (3/4, 2/4), Antelli, Tonut 0 (0/1 da 3), Jackson 16 (2/3, 4/7), Visconti, Green 0 (0/3, 0/2), Ruzzier 4 (1/1 da 2), Bramos 10 (1/3, 2/5), Owens 12 (6/10 da 2), Ress 0 (0/1 da 3), Simioni All.: Recalcati

DE’ LONGHI: Corbett 16 (1/5, 4/7), Moretti 9 (0/2, 2/2), De Zardo 0 (0/1, 0/1), Busetto 3 (0/1, 1/2), Fantinelli 6 (3/7, 0/1), Powell 31 (10/16, 2/3), Rinaldi 4 (2/5, 0/1), Ancellotti 14 (7/8 da 2). NE: Malbasa, Fabi. All.: Pillastrini

shop now!

© Riproduzione riservata