Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

La De’ Longhi vince contro un’eccellente Bondi Ferrara (85-81)

8 - CopiaVillorba (TV). Che partita, che paura! È stata una sfida il cui finale ha regalato tante emozioni e brividi a non finire. Una De’ Longhi che si trova addirittura sul +18 ed una Ferrara tenace e mai rassegnata alla sconfitta. Bravi i “Fioi” di Pillastrini a restare concentrati fino all’ultimo secondo del cronometro prima del tanto atteso suono della sirena. È stata dura ma è andata bene. Che si faccia festa!

I trevigiani partono alla grande con le mani calde di Malbasa ed Abbott. Risponde Brkic da tre. Powell e Fantinelli rilanciano. Treviso sembra scappare subito via (10-3). Dopo solo due minuti di gioco arriva la prima interruzione di gioco, Morea ha una voglia matta di strigliare i propri ragazzi. Scorrono i minuti. La De’ Longhi è decisamente in serata. Qualche pausa di troppo dei trevigiani consente però agli ospiti di ricucire lo svantaggio. Losi e Brkic non si tirano indietro e suonano la carica. Abbott continua a segnare, il solito Brkic risponde. La partita potrebbe colorarsi definitivamente di biancoazzurro ma Bucci e Soloperto usano il giusto sverniciatore. Il primo quarto si conclude con i veneti in vantaggio (24-20).

La seconda frazione di gioco conferma quanto apprezzato in precedenza. Entrambe le squadre non si risparmiano. Treviso in questo momento però è più in palla e compatta. Moretti e Fantinelli non perdonano nei tiri da tre. Gli ospiti invece hanno qualche battuta a vuoto. Sul +8 dei trevigiani di metà quarto Morea chiama di nuovo a raccolta i suoi. Rientrati in campo sembra che i ragazzi del tecnico ferrarese abbiano capito la lezione. L’onnipresente Brkic ed uno spettacolare Rush mandano chiari segnali di riscossa. Le triple di Negri e del sempre più puntuale Abbott, insieme ad un canestro di Fantinelli, in condizioni precarie, tengono però a bada gli avversari. Al riposo lungo Treviso ha accumulato un buon vantaggio (44-34). Spiccano nelle statistiche dei padroni di casa un 8/13 nei tiri da tre e gli 11 rimbalzi in attacco, di cui 5 firmati da Rinaldi.

Il terzo quarto vede ancora la De’ Longhi in chiaro vantaggio. E sale , sale , sempre più in alto grazie a Malbasa, Powell e Fantinelli. Questa volta lo sfogo in panchina di Morea non sortisce alcun effetto.  Fantinelli firma il +18. Come nel terzo quarto Brkic e Rush però evitano ancora una volta di far calare il sipario sulla gara. E’ qualcosa ma non abbastanza, i trevigiani continuano a correre. Il bravissimo Rush limita i danni (62-54).

Al rientro sul campo da gioco il risultato premia ancora Treviso (74-66). Il bello però deve ancora venire. A sessanta secondi dalla fine la De’ Longhi è a +7 (79-72). Losi suona la carica per Ferrara, Abbott rilancia. Non è ancora finita perché Brkic si prende una bella tripla (81-78). Soloperto commette fallo e Powell si piazza sulla linea della carità. Arriva un solo punto. Il cronometro segna 20″ e Brkic piazza una tripla che significa il -1 per gli ospiti. Abbott subisce un fallo tattico. Anche questa volta arriva solo un punto. Palla a Ferrara che ci prova ma niente da fare. Fantinelli recupera e subisce un fallo. Va in lunetta e chiude definitivamente la partita. I giocatori esultano in campo per lo scampato pericolo. Il Palaverde in un unico caloroso abbraccio dice grazie ai propri beniamini.  I 5077 festanti tifosi possono così finalmente esplodere in un unico urlo di gioia.

De’ Longhi Treviso – Bondi Ferrara 85-81 (24-20; 44-34; 62-54)

Note: Spettatori 5.077; Tiri da due: Treviso 21/43, Ferrara 18/34; Tiri da tre: Treviso 11/20, Ferrara 11/23; Tiri liberi: Treviso 10/20, Ferrara 12/19; Rimbalzi: Treviso 16+24 (Powell 2+7, Rinaldi 7+2, Ancellotti 3+6), Ferrara 8+21 (Brkic 2+5); Assist: Treviso 22 (Fantinelli 10), Ferrara 14 (Guarino e Losi 4); Palle perse: Treviso 15 (Malbasa 4), Ferrara 13 (Rush e Guarino 3); Palle recuperate: Treviso 9 (Fantinelli 5), Ferrara 4 (4 giocatori con 1); Usciti per 5 falli: Ancellotti.

shop now!

© Riproduzione riservata