Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

Un’amichevole amarcord tra Pall.Trieste e la De’ Longhi TVB (72-66)

Copia per slide WPTrieste. Nell’ultima partita di preparazione alla nuova stagione 2015/2016 Treviso ha affrontato la squadra giuliana in un incontro duro e combattuto. Un vero e proprio antipasto di quello che sarà il prossimo campionato di A2. Al PalaTrieste, lo scorso sabato, si è disputata una gara dove i contendenti non hanno lesinato fisicità e grande determinazione. Musi duri e botte da orbi durante tutti i 40’. Una sfida che ha visto i padroni di casa superare gli ospiti soltanto quando i titoli di coda cominciavano a scorrere nella magica serata sportiva di fine estate triestina.

Nel primo quarto gli alabardati partono con il piede sull’acceleratore (7-0). Lo strappo però viene ricucito ed è il via all’elastico che caratterizzerà la gara. Finisce 19-16, con un Rinaldi in palla sotto canestro che contribuisce alla grande a non far scappare via i triestini.

Nel secondo quarto la musica non cambia. I trevigiani inseguono ancora. Un ispirato Parks trascina Trieste. Si materializza così il primo vero strappo della partita. Al 17’ del secondo quarto i rossoalabardati infatti si trovano con un +7 (35-28) che non promette nulla di buono per la De’ Longhi. I ragazzi di Pillastrini tuttavia non si disuniscono. Sono proprio bravi a reagire. Powell e soci, pur con gli imprevisti del caso (un ispirato Moretti che deve gettare la spugna per una brutta caduta sul campo di gioco), riescono comunque a recuperare in parte lo svantaggio. Così, allo scadere del primo tempo, grazie ad un parziale con i fiocchi (2-8), Treviso riesce a ridimensionare il distacco con Trieste (37-33).

Il terzo quarto inizia con in evidenza gli stessi protagonisti della prima frazione di gioco. A Parks e Rinaldi si aggiunge però, per i triestini, anche Zahariev. I biancocelesti rispondono colpo su colpo e restano così perfettamente in scia ai rossoalabardati (45-41). Un efficace colpo di reni all’improvviso permette alla De’ Longhi di realizzare finalmente quel sorpasso che a lungo era rimasto sottotraccia. Powell, Fantinelli e la difesa trevigiana fanno capire agli avversari che ci sono ancora. Forse è il momento buono per realizzare l’allungo decisivo ma, causa forze maggiori, Pillastrini si trova a dover gestire una panchina a ranghi ridotti. Inevitabile il contro sorpasso di Trieste. Pecile e soci infatti non restano lì a guardare senza reagire a dovere. Così, al 30’, la Pallacanestro Trieste mette la freccia e supera di slancio gli ospiti veneti trovandosi a fine quarto con un +6 (53-47).

L’ultimo quarto di questa bella ed intensa partita conferma quanto è accaduto durante tutta la gara. I giocatori lottano, non ragalano nulla agli avversari. Botte, botte e ancora botte. Zahanev, cui si aggiunge anche Canavesi, complicano di nuovo le cose ai trevigiani. Le difese restano le grandi protagoniste dell’incontro, pertanto non mancano le inevitabili scintille sotto canestro. A 3’ dalla fine, un ispirato Powell conduce per mano la propria squadra, riportandola a -2 dagli avversari (68-66). Treviso ha le sue occasioni per mettersi definitivamente in tasca un’altra vittoria di prestigio ma nel finale, con i tiri liberi, manca della necessaria lucidità. I triestini Prandin e Canavesi invece non sbagliano. Trieste supera Treviso 72-66 ma va però riconosciuto ai trevigiani di avere disputato una bella gara, dimostrando di non essere da meno rispetto ai veterani triestini dell’ex A2 Gold. Questo non è un dettaglio da sottovalutare con il campionato che comincerà domenica prossima. Buon basket ed ottima stagione a tutti!

PALL.TRIESTE 2004-DE’ LONGHI TVB 72-66 (19-16,37-33,53-47)
Pallacanestro Trieste 2004: Coronica 2, Prandin 3, De Marchi 2, Baldasso, Pecile 8, Parks 17, Zahariev 13, Landi 8, Pipitone, Canavesi 19. All. Dalmasson. De’Longhi Treviso: Corbett 4, Moretti 6, De Zardo, Malbasa, Fabi 8, Busetto 3, Fantinelli 13, Powell 12, Rinaldi 16, Negri, Ancellotti 4. All. Pillastrini.

shop now!

© Riproduzione riservata