Primo piano

COVID. ALLARME IN GRAN BRETAGNA. GRANDE PREOCCUPAZIONE DELL’AUTORITÀ BRITANNICHE PER LA VARIANTE DELTA LA CUI TRASMISSIBILITÀ SUPERA IL 60%
COVID. LA 18ENNE CAMILLA CANEPA, DECEDUTA DOPO ESSERE STATA VACCINATA CON ASTRAZENECA, SOFFRIVA DI UNA MALATTIA AUTOIMMUNE. S’INDAGA SE NELLA CARTELLA CLINICA DELLA RAGAZZA SIANO STATE CORRETTAMENTE EVIDENZIATE LE PATOLOGIE DI CUI SOFFRIVA
COVID. DAL PROSSIMO LUNEDÌ 40,5 MILIONI DI ITALIANI SI TROVERANNO IN ZONA BIANCA. INDICE RT STABILE A 0.68.
ESTERI. PRIMO VERTICE DEL G7 DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DRAGHI SARÀ IL RELATORE PRINCIPALE NEL CORSO DELLA SESSIONE SULLA RIPRESA ECONOMICA
ESTERI. ALLARME DELLE NAZIONI UNITE PER LA SITUAZIONE IN ETIOPIA. NEL TIGRAY OLTRE 350.000 PERSONE ALLA FAME
SALUTE. CON IL LAVORO DA CASA IL CO2 IN ITALIA SI RIDURREBBE COME 60 MILIONI DI VOLI LONDRA-BERLINO IN MENO
CRONACA. IL CUGINO DI SAMAN SI AVVALE DELLA FACOLTÀ DI NON RISPONDERE E NEGA IL SUO COINVOLGIMENTO NELLA SCOMPARSA DELLA RAGAZZA PAKISTANA
COVID. PER GLI ULTRASESSANTENNI CHE NELLA PRIMA DOSE HANNO RICEVUTO L’ASTRAZENECA IL RICHIAMO SARÀ EFFETTUATO CON PFIZER OPPURE MODERNA
Treviso City Web Radio

Iscrizioni record per la “Corri in Rosa” 2015

12049227_496708730499278_6220912565914765876_n[1]San Vendemiano. Procede a tappe forzate l’avvicinamento alla II° edizione della manifestazione organizzata per sensibilizzare le donne nella lotta contro il tumore al seno. Le iscrizioni sono arrivate a quota 2000. Gli organizzatori sperano però di arrivare almeno a 2500 adesioni, cifra raggiunta l’anno scorso nella prima “Corsa in Rosa” trevigiana. Parte del ricavato sarà devoluto all’associazione “Renzo e Pia Fiorot”.

La manifestazione, ideata da Valerie Delcourt, è nata dalla determinata volontà di trasmettere a tutte le donne il messaggio che “insieme si può sconfiggere la malattia”. Già nell’edizione 2014 molte atlete ed ex atlete risposero all’invito trasformando le vie del percorso della gara di San Vendemiano in un lungo e placido fiume rosa, con tante donne che ce l’hanno fatta unite, nella sfida, a tante altre che con coraggio continuano a dire no al cancro.

“Siamo molto contenti per come procedono le iscrizioni- confida Valerie Delcourt- La manifestazione sta stimolando le donne a creare gruppi. Si organizzano cene per rafforzare lo spirito di gruppo e per sentirsi tutte unite nel percorrere insieme la strada verso quel grande giorno: la guarigione.”

“Siamo ad un buon punto con le iscrizioni ma superare quelle del 2014 sarebbe ancora meglio. Mi piacerebbe molto che chi ha partecipato l’anno scorso riuscisse a coinvolgere altre persone, almeno un’amica, perché più siamo e più donazioni ci saranno. Già questo sarebbe un grandissimo risultato.

Appuntamento dunque per domenica 22 novembre alle 10.00 in Via De Gasperi dove partirà la corsa. Sono previsti due percorsi, uno di 5 km ed uno di 10 km.

Per tutte le informazioni visitare il sito www.trevisomarathon.com/ e la pagina Facebook “Corri in rosa”.

shop now!

© Riproduzione riservata