Primo Piano

ESTERI. FRANCIA. AL PRIMO TURNO DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE LA COALIZIONE “ENSEMBLE!”, CHE SOSTIENE IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON HA RAGGIUNTO IL 25,75% DEI VOTI RISPETTO AL 25,66% DELL’ALLEANZA DI SINISTRA “NUPES” DI JEAN-LUC MELENCHON, SOLO LO 0,09% DI VOTI IN PIÙ (CIRCA 21 MILA VOTI DI SCARTO)
ESTERI. FRANCIA. IL PRESIDENTE EMMANUEL MACRON: ” SIAMO ENTRATI IN UNA ECONOMIA DI GUERRA E DOVREMO DUNQUE ORGANIZZARCI IN MODO DA AFFRONTARE UN LUNGO PERIODO DI DIFFICOLTÀ. È CAMBIATO TUTTO. NON È PIÙ POSSIBILE VIVERE ALLO STESSO RITMO ED ALLA STESSO LIVELLO DI COME VIVEVAMO UN’ANNO FA.”
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. NELLA SOLA REGIONE DI KIEV SONO STATI CONTEGGIATI 1500 CIVILI UCCISI DURANTE L’OCCUPAZIONE DELLE FORZE ARMATE RUSSE, DEI QUALI 1200 NON È STATO POSSIBILE RISALIRE ALLA LORO IDENTITÀ, 75% DI UOMINI, 2% DI BAMBINI, 23% DI DONNE
ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL CAPO DELLA POLIZIA NAZIONALE, IGOR KLYMENKO: “ABBIAMO APERTO UN PROCEDIMENTO PENALE PER LA MORTE DI 12 MILA PERSONE TROVATE SOPRATTUTTO NELLE FOSSE COMUNI, UN NUMERO ALTRETTANTO CONSISTENTE DI VITTIME RIGUARDA VITTIME SCOPERTE NELLE PROPRIE ABITAZIONI. SONO CIFRE DA AGGIORNARE DI CONTINUO A CAUSA DEI NUMEROSISSIMI CORPI CHE VENGONO INDIVIDUATI OGNI SETTIMANA NEI TERRITORI CHE SONO STATI INTERESSATI NEI MESI SCORSI DALL’OCCUPAZIONE DELL’ESERCITO RUSSO.”
ESTERI. ESTERI. INVASIONE DELL’UCRAÌNA. IL PRESIDENTE VOLODYMYR ZELENS’KYJ: “A SEVERODONETSK STIAMO COMBATTENDO LETTERALMENTE METRO PER METRO. IL SUOLO DEL TERRITORIO DI LUGANSK È INTRISO DEI SOLDATI DEL NOSTRO ESERCITO E DI QUELLO DEGLI INVASORI RUSSI. CHIEDO ANCORA UNA VOLTA L’INVIO DI MISSILI.”
Treviso City Web Radio

A Ca’ dei Carraresi in autunno i capolavori di El Greco

el_greco_012_cacciata_dei_mercanti_dal_tempio_1570y[1]Treviso. Una mostra di prestigio quella che “Kornice”, con la partecipazione di “Art for Public” e la Fondazione Cassamarca, ha deciso di allestire a Treviso fra qualche mese. Il capoluogo della Marca Trevigiana potrà così tornare ad essere un affascinante polo attrattivo del turismo dell’arte grazie ai magici ed intensi colori dell’artista cretese con opere che spazieranno dal 1567 al 1576.

Dal 23 ottobre 2015 al 10 aprile 2016 dunque la Casa dei Carresi sarà il suggestivo luogo dove verrà allestita la più importante retrospettiva mai realizzata in Italia sull’artista Doménikos Theotokòpoulos, più noto agli amanti dell’arte con l’appellativo di El Greco.

Evento culturale che farà emergere la trasformazione artistica di Theotokòpoulòs che da artigiano di icone bizantine diventa un indiscusso protagonista dell’arte occidentale di quel tempo, anni durante i quali El Greco visse in Italia e perfezionò la sua arte e la sua tecnica.

Un percorso artistico raccontato e descritto attraverso le sue opere realizzate nel nostro paese e messe a confronto con altre di grandi maestri da lui apprezzati che hanno indiscutibilmente influenzato la sua attività: Tiziano, Tintoretto, Jacopo Bassano, Parmigianino, Correggio, Zuccari.

“La genialità de El Greco sta nell’essere riuscito a fondere due culture contrapposte: quella greca ortodossa e quella rinascimentale cattolica romana” – spiega Serena Baccaglini dell’Università Cattolica di Milano e membro del comitato scientifico della mostra – “Sorprendente è la sua capacità di non negare nessuno dei suoi linguaggi e riuscire a fonderli in uno stile originale ed unico. E’ questo che fa de El Greco un artista visionario che sconvolse Manet, Cezanne e Picasso.”

shop now!

© Riproduzione riservata